Palazzo di Schönbrunn

Il Palazzo di Schönbrunn, accanto alla cattedrale di S. Stefano e al Belvedere di Vienna, rappresenta la principale attrazione della capitale austriaca.  La residenza estiva degli Asburgo fu eretta tra il 1696 e il 1711, secondo il progetto di Johann Bernhard Fischer Erlachs. Tuttavia, Schönbrunn divenne il centro principale della monarchia soltanto durante gli anni dell'imperatrice Maria Teresa.  Su ordine di quest’ultima, l'architetto Nicolò Pacassi modificò l'aspetto del palazzo negli anni 1744-49, secondo i canoni tardo-barocchi. All’edificio vennero aggiunti: un piano, molti balconi e scalinate, nonché uno splendido teatro. I locali residenziali e di rappresentanza vennero arredati in stile tardo-rococò. Il palazzo, in totale, ha 1441 stanze, 40 delle quali sono aperte ai visitatori. Il complesso di Schönbrunn comprende anche un giardino zoologico, un ampio parco e una serra in cui si collezionano palme. Ai nostri giorni, il palazzo di Schönbrunn è iscritto alla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO ed è uno dei palazzi reali più famosi al mondo.

 

OK